Approccio metodologico allo studio intersettoriale dei minori migranti non accompagnati

Texto completo

(1)

Approccio metodologico allo

studio intersettoriale dei minori

migranti non accompagnati.

POSTED BY: STATISTICA E SOCIETÀ 16/11/2019 Patrizia Rinaldi

Instituto Universitario de Estudios sobres Migraciones.

Universidad Ponti cia Comillas di Madrid (Spagna). 

 

Le migrazioni sono sono un fenomeno in evoluzione e in questo contesto si colloca la problematica dei Minori

EDITA DA

EDIZIONI

anno V numero 1/2016

anno V numero 2/2016

anno V numero 3/2016

anno VI numero 1/2017

anno VI numero 2/2017

anno VI numero 3/2017 ED. SPECIALE

anno VII numero 1/2018

HOME CATEGORIE PER PUBBLICARE CHI SIAMO SIS CONTATTI

(2)

Stranieri Non Accompagnati (MSNA): ogni bambino che attraversa il con ne è allo stesso tempo un minore, un migrante e un rifugiato. A questa triplice natura si

aggiunge la dif coltà di armonizzare i dati amministrativi con la scelta delle variabili per lo studio dell’integrazione di questo collettivo di migranti.

La raccomandazione del Comitato per i diritti del

fanciullo delle Nazioni Unite secondo cui “un bambino è prima di tutto un bambino, qualunque sia la condizione in cui si trova”, stabilisce che l’interesse superiore del bambino deve essere sempre il fattore principale che in uenza le risposte legislative, politiche e di servizio per i bambini migranti e rifugiati. Ciò è fondamentale per la differenza tra l’approccio ai diritti del bambino e

l’approccio alla migrazione, che assegna il diritto in base allo status giuridico e, pertanto, può essere soggetto a rapidi cambiamenti quando il bambino diventa adulto.

L’obiettivo del lavoro è l’analisi della metodologia per lo studio della transizione all’età adulta dei MSNA in Spagna. Il modello spagnolo di accoglienza e protezione viene esaminato nella sua natura mista tra gestione

dell’immigrazione e diritti dei minori, e studiato nella sua duplice declinazione nazionale e regionale, armonizzando le differenze regionali per costruire un modello standard e unico. 

I regolamenti, le politiche e le pratiche relative ai MSNA in Spagna sono stati analizzati nel quadro dell’Unione Europea, af nando il quadro analitico ed espandendo la prospettiva, per facilitare un’analisi più approfondita dei diritti. Sono state analizzate 65 relazioni e testi e circa 55 articoli accademici pubblicati dal 2000, per identi care i modelli e gli orientamenti attuati in vari aspetti del lavoro con i bambini migranti e rifugiati. L’UE ha

rilasciato numerosi documenti di orientamento agli Stati membri sulla migrazione minorile e almeno 20

pubblicazioni ad hoc di varie agenzie – quali l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), UNICEF, FRA (Agenzia europea per i diritti fondamentali) e la Croce Rossa – hanno cercato di

delineare relazioni per promuovere le buone pratiche con

anno VII numero 2/2018

anno VII numero 3/2018

anno VIII numero 1/2019

anno IX numero 2/2019

ARTICOLI RECENTI

Antonio Felice Uricchio è il nuovo presidente dell’ANVUR La qualità del lavoro

dipendente nel settore

privato. Una lettura integrata attraverso il registro RACLI Il Trattamento dei dati sanitari ed il Provvedimento del Garante del marzo 2019 Approccio metodologico allo studio intersettoriale dei minori migranti non accompagnati.

La Statistica al Servizio del Trentino Language Testing A TREVISO LA QUINTA EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA STATISTICA E DELLA DEMOGRAFIA

Intervista al Presidente dell’ISTAT, Prof.  Gian Carlo Blangiardo sul Rapporto 2019 I con ni allargati della

cooperazione italiana Un possibile modello di “alternanza scuola-lavoro” nell’ambito della statistica

(3)

i bambini migranti e rifugiati, no a quando il Consiglio d’Europa ha pubblicato quattro guide alle buone pratiche nel 2017. Inoltre, sono state esaminate le 6 sentenze principali della Corte europea dei diritti dell’uomo

(CEDU) relativa alla Spagna, unitamente alla produzione del Comitato delle Nazioni Unite per i diritti dell’infanzia, comunicazioni e decisioni sui minori migranti non

accompagnati in Spagna.

Gli studi sull’infanzia e gli studi sulla migrazione sono integrati nella ricerca sui minori che fanno parte dei processi migratori generali. Tuttavia, nel campo degli studi sull’infanzia, l’importanza della migrazione come elemento determinante nella vita dei bambini è spesso trascurata (Petrillo, 2018). Allo stesso modo, nel contesto degli studi sulla migrazione, l’infanzia è stata presa in considerazione in modo marginale negli studi sulla famiglia. In effetti, gli studiosi sulla migrazione spesso scrivono di bambini e adolescenti, in particolare usando l’etichetta “famiglia o gruppo”, indipendentemente dal contesto e dal fatto che appartengano o meno a un gruppo umano speci co (Rohan, 2014). Al contrario, i ricercatori d’infanzia spesso includono gruppi etnici differenti di bambini e adolescenti nei loro studi senza riconoscere pienamente le implicazioni della migrazione (Martinez Garcia C., Lazaro I., 2013). Le diverse

concettualizzazioni dell’infanzia dovrebbero, invece, essere considerate e riconosciute nella molteplicità delle loro sfaccettature e delle loro complessità.

Nonostante la prima fase della ricezione sia molto importante per il successo o fallimento dell’intero sistema di protezione, in questo lavoro l’analisi si

concentra sull’uscita dal sistema, portando con sé tutte le debolezze che sono maturate al suo interno. 

Per stabilire qualsiasi tipo di quadro utile di valutazione, questo deve essere esplicitamente supportato da una serie di standard minimi che possono essere adattati ai contesti locali ma che sono chiaramente collegati agli standard della comunità internazionale. Pertanto, è stata

progettata una matrice di valutazione basato sui cinque domini compiuti: contesto territoriale; processi e

uf ciale: l’esperienza dell’Istat in Toscana Puntare sulla qualità

attraverso i modelli valutativi Povertà alimentare in Italia e in Europa

COMMENTI RECENTI

maria grazia su

L’integrazione delle fonti a servizio della comprensione dei fenomeni

abc nance.it su Le imprese italiane e le catene globali del valore: il contributo delle nuove informazioni

statistiche

Vivere da soli e ad anni luce dallo stile della mamma. Istruzioni per l’uso dalla piastra a induzione

all’ecofriendly ai tempi del bilocale. – 30mq su I giovani che vanno a vivere da soli. Una lettura territoriale del fenomeno in Italia, 1991-2011

Jorge Frascara su Una cultura statistica di base è la chiave per avere un’assistenza sanitaria migliore

Diego Moretti su Quanto è soddisfatto del suo lavoro il signor Rossi? Storia di una misura oggettiva per un costrutto latente

(4)

procedure di accoglienza; protezione; istruzione e formazione dei minori e salute. Questo quadro di base è supportato da indicatori derivati da un’analisi

quantitativa dei dati negli ultimi cinque anni. 

Tabella – Valutazione di domini e sottodomini

Contesto Territoriale

Processi e procedure di

accoglienza

Protezione del Minore 

Educazione e Formazione

Attori Nazionali e

Locali

Arrivo e

registrazione refoulementNon- Ingresso nelcentro   A

Governance Prima accoglienza Dichiarazionedi Abbandono Educazionedella prima

infanzia Cure

Accesso alla

giustizia Determinazionedell’etá Tutore Istruzione dibase riconf

Protezione

dell’infanzia Ricongiungimentofamiliare

Diritto di essere ascoltato ed alla libertá di

espressione

Servizi di supporto

A sa a

Interesse Superiore del

Fanciullo Consulenza legale

Ricerca dei

familiari secondariaIstruzione

Politica di

immigrazione Domanda di asilo Tratta professionaleFormazione Sal

Fonte: Elaborazione dell’autore

Per l’analisi quantitativa, i dati statistici raccolti, elaborati ed analizzati provengono da fonti primarie e secondarie quali l’Uf cio del Procuratore Generale, il Ministero dell’Interno, il Ministero del Welfare, il

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, la Polizia nazionale e il Difensore civico. Non è stato possibile ottenere la risposta prevista dall’unità immigrazione e dall’unità di coordinamento minori dell’Uf cio del procuratore generale.

CATEGORIE

Salute, benessere e ambiente

Scienze sociali, business e innovazione

Scuola

Senza categoria

Statistiche u ciali

ALTRI ARTICOLI

DATA TO CHANGE, DATA E ETICA IN UN CONVEGNO ALLA CAMERA

I dati possono aiutarci a vivere meglio? Lasciarli online non basta, serve anche l’etica. Lo spiega a Roma il convegno Data to change

(5)

A livello qualitativo, l’analisi delle fonti documentarie secondarie e l’osservazione dei partecipanti nell’ambito del circuito di protezione dei minori, ha portato alla realizzazione di una mappatura e di un elenco di attori rilevanti a livello nazionale, regionale e locale.

Mappa  – Tassonomia della ricerca socio-giuridica. 

 

Fonte: Elaborazione dell’autore

In conclusione, al ne di comprendere la transizione verso l’età adulta e misurare l’ef cacia e l’ef cienza del sistema, la scelta va indirizzata alle seguenti variabili: tutela, domanda di asilo, minori nei centri di detenzione, integrazione, autorizzazione di residenza e lavoro, servizi di sostegno, istruzione e formazione professionale,

nonché certi cazione di accreditamento e follow-up.

Quando la società cambia, anche l’infanzia cambia. Di conseguenza, l’infanzia si trasforma in una categoria sociale, politica e culturale. Pertanto, non dovremmo preoccuparci solo del futuro dei bambini, ma anche della società futura che costruiranno. Se i bambini sono il futuro, ci si potrebbe chiedere, quale sarà il futuro che loro costruiranno?

Bibliogra a

Contratti collettivi e retribuzioni contrattuali. Ottobre-Dicembre 2019

A dicembre 2019 retribuzioni contrattuali invariate su novembre e +0,6% su dicembre 2018

Esame delle proposte di legge A.C. 707 e A.C. 788 in

materia di rappresentanza sindacale

Audizione del Direttore della Direzione centrale per le statistiche sociali e il welfare Dott.ssa Cristina Freguja

Stima preliminare del Pil. IV trimestre 2019

Nel IV trim 2019 Pil -0,3% sul trim precedente, invariato sul IV trimestre 2018

Occupati e disoccupati (dati provvisori). Dicembre 2019

A dicembre occupati in calo su base mensile (-75 mila). Tasso di disoccupazione stabile al 9,8%

La violenza contro le donne dentro e fuori la famiglia: le per la ricerca

Disponibili i le per la ricerca dell'indagine sulla violenza contro le donne dentro e fuori la famiglia

Prezzi alla produzione dell’industria e delle

(6)

Bhabha, J., (2016), Child Migration & Human Rights in a

Global Age, Princeton: Princenton University Press. ISBN:

978-0-691-14360-6.

Lazaro I., (2010). La situacion actual de los menores extranjeros no acompañados en España. In I. Lazaro y B. Moroy (Eds), Los menores extranjeros no acompañados, (17-34). Madrid: TECNOS.

Martinez Garcia, B.J., (2013). Los menores en la nueva ley de asilo y la proteccion subsidiaria. Logros y retos para el nuevo reglamento. In I. Claro and I. Lazaro (Eds),  Infancia

y Proteccion Internacional en Europa, (103-112).

Madrid:TECNOS. DOI: M-27.205-2013.

Petrillo, E.R. (2018). Vulnerable and voiceless on the move. FEPS, Policy Brief. Paris: UNESCO.

Pobjoy, J. M. (2017).The Child in International Refugee Law. Cambridge: University Press. DOI:10.1163/15718166-12340022.

Rinaldi, P., (2012). The Best Interest of the Child: the

Tabhita Case. Madrid: Repositorio Universidad Ponti cia

Comillas. 

Rinaldi, P., (2019). Unaccompanied Migrant Minors at the Frontier of Human Rights. The Spanish Case.

International Journal of Children’s Rights, 27(4),  1-25. 

Rinaldi, P., (2019). Preliminary remarks: refoulement at the border undermines the best interest of the child. In Bruno G., (ed.), Migration Issues before International

Courts and Tribunals. Napoli: IRiSS/CNR. 

Rohan, M., (2014). Refugee Family Reuni cation Rights: A Basis in the European Court of Human Rights’ Family Reuni cation Jurisprudence. Chicago Journal of

International Law 15(1): 347-376.

Smith, C. (2013). Is the Right of the Child to Liberty Safeguarded in the Common European Asylum System?,

Prezzi alla produzione di dicembre: industria invariati su mese, - 2,1% su anno; costruzioni +0,1% su mese e su anno

Fiducia dei consumatori e delle imprese. Gennaio 2020

Gennaio: indice del clima di ducia dei consumatori da 110,8 a 111,8 ; ducia delle imprese da 100,7 a 99,2

Conti economici territoriali. Anni 2016-2018

Pil pro-capite 2018: 36,2mila euro nel Nord-ovest,

35,1mila nel Nord-est,

31,6mila al Centro, 19mila in Mezzogiorno

Rilevazione sulle Forze di Lavoro – dati longitudinali a 3 mesi di distanza: le per la ricerca

Disponibili i microdati per la ricerca relativi alla

rilevazione "Forze di Lavoro -dati longitudinali a 3 mesi di distanza"

Rilevazione sulle Forze di Lavoro – dati longitudinali a 12 mesi di distanza: le per la ricerca

On line i microdati relativi alla rilevazione "Forze di Lavoro-dati longitudinali a 12 mesi di distanza"

(7)

BE THE FIRST TO COMMENT

ON "APPROCCIO METODOLOGICO ALLO STUDIO INTERSETTORIALE DEI MINORI MIGRANTI NON ACCOMPAGNATI."

European Journal of Migration and Law, 15, 111-136. DOI:

10.1163/15718166-12342027. 

 

Previous post Next post

Leave a comment

Your email address will not be published. Comment

Name *

Email *

Website

Save my name, email, and website in this browser for the next time I comment.

(8)

Figure

Actualización...

Descargar ahora (8 página)
Related subjects :